SOTTOSUOLI – III edizione del Convegno internazionale del gruppo “Esuli”

III edizione del Convegno internazionale del gruppo “Esuli”
Perugia, Biblioteca San Matteo degli Armeni, 25-27 gennaio 2018
In collaborazione con:
Università degli Studi di Perugia, CEMS (Centre for European Modernist Studies),
Persistenze o Rimozioni – progetto di nuova ricerca sull’età contemporanea

SOTTOSUOLI
Le poetiche di radici, buchi, bunker, miniere, cave, caverne, vulcani, fosse, abissi, inferni, inconsci, cantine, archivi, rifugi, cripte, catacombe, tombe, tombini, metro e altri spazi sotterranei

O Satana, tu che le troie notturne metti in fondo ai quadrivii, o tu
che dall’ombra mostri l’infame cadavere di Ofelia, o Satana abbi
pietà della mia lunga miseria!
(Dino Campana, La giornata di un nevrastenico)

Nel noto scritto sull’essenza dell’Illuminismo (Beantwortung der Frage: Was ist Aufklärung, 1784) Kant parla del movimento di idee in questione come dell’uscita dell’uomo da uno stato di minorità. Quest’ultima sarebbe da intendersi come mancanza di luce imposta dall’uomo all’uomo, ovvero come negazione della libertà intellettuale e dell’apertura della mente. Tuttavia, esperienze ai margini o sotto lo strato luminoso possono costituire anche uno strumento di conoscenza. Chi, volontariamente o per via eterodiretta, si immerge o riemerge da dimensioni sotterranee, claustrofobiche, cieche o tenebrose, in qualità di revenant, zombie, fuggiasco, christos o pellegrino, è spinto da quêtes e motivi ben precisi rispetto al percorso fatto o da intraprendere, mentre compie un movimento verticale che lo spinge a una trasformazione/trasfigurazione necessaria e irreversibile. Alla fine di tale viaggio, lo stato iniziale e lo stato finale appaiono ormai inconciliabili: le “memorie dal sottosuolo” portano sovente con sé un messaggio nascosto o una scoperta rivoluzionaria che può essere tanto salvifica quanto sconcertante e distruttiva. Il presente Convegno vuole essere un tentativo di decrittare questo messaggio, così come di indagare le ragioni che spingono l’uomo sotto il mondo solare e di comprendere gli underworlds, intesi non solo in senso spaziale e corporale, ma anche simbolico, intellettuale, dell’inconscio e della mente.

Le relazioni potranno vertere orientativamente sulle seguenti aree tematiche:
– contrasto tra luce e ombra/vista e cecità;
– contrasto tra corpo e mente/conscio e subconscio;
– funzioni e significati simbolici della dimensione solare in contrapposizione alla
dimensione lunare;
– resoconti e narrazioni di anabasi/catabasi;
– luoghi cavi, bui, limacciosi, sacri, segregati, ambigui, ecc.;
– profondità marine;
– punti o momenti di passaggio tra mondo e sottomondo;
– trasformazioni e trasfigurazioni a seguito di esperienze sotterranee.

Le proposte, di non più 300 parole, in previsione di interventi della durata massima di 20 minuti, dovranno essere inviate all’indirizzo esuli.perugia@gmail.com entro il 15 novembre 2017. È prevista la pubblicazione di un volume collettaneo.

Comitato scientifico:
Novella di Nunzio (Università di Vilnius)
Andrea Gialloreto (Università di Chieti-Pescara)
Srećko Jurišić (Università di Spalato)
Paola Paolucci (Università di Perugia)
Roberto Talamo (Università di Bari)
Massimiliano Tortora (Università di Torino)
Annalisa Volpone (Università di Perugia)
Emanuele Zinato (Università di Padova)

Comitato organizzatore:
Novella di Nunzio (Università di Vilnius)
Maria Nicole Iulietto (Università di Perugia)
Srećko Jurišić (Università di Spalato)
Francesco Ragni (Università di Perugia)

Be the first to comment on "SOTTOSUOLI – III edizione del Convegno internazionale del gruppo “Esuli”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*