Domenica Luise – Poeti per don Tonino Bello: Vincenzo Mastropirro

 

*

Vincenzo Mastropirro, flautista e compositore, ci presenta tre poesie in dialetto pugliese. È ovvio che il testo in dialetto è diverso da quello in italiano e mantiene la parlata popolare e la semplicità dei concetti.

continua qui

 

 

6 Comments on "Domenica Luise – Poeti per don Tonino Bello: Vincenzo Mastropirro"

  1. franklinguamozza | ottobre 28, 2011 at 10:24 | Rispondi

    di una poesia unica. l’ascolto e la riascolto!

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/10/28/canzone-di-un-uomo-triste/

  2. rosaria di donato | ottobre 28, 2011 at 15:05 | Rispondi

    Il fascino del dialetto riveste i testi di Mastropirro di un sapore antico: antico come la vicenda di Giuseppe, come il suo mestiere, come il suo dar voce all’anima di uomo virile che muta in canto i suoi pensieri, la saggezza, il dolore, il rimpianto. Stati d’animo condivisi dalla sapienza contadina, umile, avvezza a seguire il ritmo delle stagioni, dei giorni senza illusioni nè inutili aspettative. C’è musicalità e teatralità in questi versi efficaci e forti come proverbi, come segni incisi a lettere di fuoco sulla pagina e scanditi con intensa vibrazione nelle immagini.

    un saluto,

    Rosaria Di Donato

  3. Grazie Abele per il post.
    Ippolito è bravisssimo nell’interpretare la mia lingua, non facile, e grazie per i commenti
    abbraccio
    v

  4. è armoniosa, e mi è piaciuta anche se non conosco il dialetto.
    poi ne ho letto la traduzione e ne ho potuto comprendere il senso più profondo.
    grazie
    cb

  5. annamaria ferramosca | ottobre 29, 2011 at 23:42 | Rispondi

    ascolto ancora e ancora. Vincenzo sa scavare la pietra con la sua incisività di cuore e lingua e Ippolito ne trasmette tutta la forza(ricordo gli applausi nella piazzetta). grazie a Domenica e ad Abele per aver approfondito e riproposto queste letture.
    annamaria

  6. Grazie a voi, cari. Sto assaporando le più intense condivisioni poetiche e non credevo che avessero queste delicatezze. La poesia è un bene immenso, da tenere insieme come un fascio di fiori ognuno diverso dall’altro. Ciao, fiori.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*