Agota Kristof: racconti (La vendetta)

 

Agota Kristof (1935-2011)

La vendetta
di: Agota Kristof / editore: Einaudi (2005)
traduttore: Maurizia Balmelli – Traduzione dal francese


“Io scrivo “celui-là dit:”, e poi la battuta di dialogo; lui [un imprecisato traduttore, n.d.r.] ha rimesso tutto in ordine, tutto normale, come in qualsiasi libro. Gli ho spiegato che non va, che è un tradimento assoluto, non c’è bisogno di correggere il mio stile, occorre tradurre restando il più possibile vicini all’originale” ricorda Agota Kristof in un’intervista rilasciata lo scorso autunno a Libération, in occasione dell’uscita francese de L’Analfabeta, volume di brevi scritti

continua qui

*

*

*

3 Comments on "Agota Kristof: racconti (La vendetta)"

  1. Ho scoperto Agota Kristof grazie al film di Silvio Soldini Brucio nel vento (2002), storia di un uomo che scappa da una non specificata città dell’Europa centrale e finisce per lavorare in una fabbrica di orologi in Svizzera. Pur ritenendo Soldini un bravo regista fu il libro che c’era dietro a catturarmi, Ieri (1996), di cui sentivo il respiro sullo schermo pur non avendolo letto.

  2. La mia scoperta é stata attraverso la Trilogia di K. Poi non ho più smesso di leggerla. Mi piace la sua secchezza,è un legno che brucia, ma non si consuma veloce, c’è sempre un ritardante, per cui arrivi sempre all’ultima riga e ne vorresti ancora cento altre di pagine da percorrere.
    Rileggerò tutto, ancora poi un’altra volta, facciò così quando “spariscono” gli autori, come se in questo modo qualcosa potesse restarmi in corpo, di quella loro ombra che di sicuro ancora non è bruciata come si penserebbe di una fiamma. Grazie,ferni

    • Proprio così, Ferni, è un sentirsi più soli e la voglia di una fiamma che continui a scaldare (non ho letto tutti i suoi libri ma li ho appena ordinati, ho fatto la provvista di legna).

Leave a comment

Your email address will not be published.


*