Tre luoghi – Inediti di Irene Sabetta.

M. C. Escher

***

Zoldo

Corteccia e resina
delle montagne in alto a destra
dove ti coglie improvviso
l’odore di muffa
e ti chini a cercare.

Accordare il respiro
all’affanno dei passi,
captare le onde
d’ossigeno e roccia.

Il gusto dei frutti di bosco
e il gelato al melone.
La canfora mista a vecchi giornali.
La casa sospesa negli anni.
Risposte infantili
al sasso che urla.

Cammino da farsi
a piedi
all’alba
seguendo i sentieri
del sole nascosto
nella trama striata e umidiccia
delle implacabili baliverne.

Pallide torri
concave e convesse
dove il pensiero fa sosta
e ci spinge ad arrivare
sudati e pieni d’orgoglio
per aver convinto
il corpo a seguirci.

Fierezza scolpita
e coraggio
in forma di castello
o di tenda indiana
o di panettone
o di chimera
di colpo inghiottita dalla nebbia
al servizio del tuono.

Zoldo (Belluno)

***

Verso sud

Aberrazione delle case
autopunizione di cemento e ferro
tutto appiccicato e così insolubilmente
diverso, l’uno dall’altro.
Guerra di muri
giallo ocra, rosso sangue, trionfo nelle crepe.
Pali sollevano fili interminabili
sorpresi dal progresso a incorniciare
scheletri d’acciaio e ferrovie dismesse
orti abbandonati tra ritagli di plastica
al vento.
E ancora castelli di case
esposte coi loro giardini
alla furia latente del monte a cono.
Quello dei quadri,
quello che sta sempre dietro.
Normalità incombente della natura.

(Autostrada A1 verso Napoli)

***

Hurricane

Cielo che non minaccia pioggia
ma la promette
e ti coglie impreparato
perché la promessa
è per la terra, non per te
che temi i fulmini e gli uragani
e neghi l’evidenza.
Terra di spazi e spazio,
florida di frutta e rettili.
Di rettilinee strade,
avvezze ad essere sommerse
mentre i poveri annegano
nelle corsie laterali
pregando l’occhio del ciclone
di volgere lo sguardo più a nord
o più a ovest.

(Miami – Florida)

***

***

Irene Sabetta vive ad Alatri dove insegna inglese al liceo. Ha pubblicato, per FrancoAngeli, un saggio all’interno del libro La mediazione scolastica. Scrive poesie e molte di esse sono presenti in antologie curate da vari editori come Perrone lab, Aletti, Poetikanten, Il Foglio Clandestino, Pagine. Nel 2015, si è classificata prima al concorso Augusto Tacca e, nel 2017, è stata finalista al Festival della Lentezza con un racconto breve e al premio letterario Don Luigi Di Liegro. La casa editrice Lietocolle ha scelto alcune sue poesie per l’Antologia iPoet 2018 e per l’ Agenda poetica Il segreto delle fragole. Recentemente ha pubblicato una plaquette dal titolo Inconcludendo con l’editore Escamontage. Suoi testi sparsi si trovano sulla rete.

Be the first to comment on "Tre luoghi – Inediti di Irene Sabetta."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*