Tsering Woeser – Il maestro e la farfalla (Giancarlo Locarno)

Tsering Woeser è una scrittrice, poetessa e giornalista sino-tibetana, nata nel 1966 a Lhasa, è figlia di un generale dell’esercito cinese (a sua volta sinotibetano) e di una aristocratica tibetana. La famiglia ha lasciato Lhasa per evitare i disordini durante la “Rivoluzione Culturale”, e si è stabilita nella regione del Sichuan, dove si trovano due province di cultura tibetana, ma che non fanno parte della regione autonoma del Tibet.

Ha ricevuto un’istruzione in lingua cinese, fino alla laurea in letteratura.

Dopo gli studi comincia  a svolgere l’attività di giornalista prima nel Sichuan  e poi a Lhasa, dove si avvicina al Buddhismo e alla lingua tibetana che comincia a studiare per la prima volta, comunque continuerà a scrivere sempre in cinese. Nel 2003 pubblica il libro “Note dal Tibet” (西藏笔记), per il quale cominceranno i suoi guai con il governo, viene accusata di separatismo e di simpatia verso il Dalai Lama. Subirà la solita trafila riservata ai dissidenti, la perdita del lavoro, la detenzione domiciliare in occasione  della visita di politici stranieri, o semplicemente perché rilascia interviste ai giornalisti stranieri.

Dal 2003 vive a Pechino, essendo per lei diventato pericoloso rimanere in Tibet. Nel 2008 ha pubblicato un volume di poesie: “Tibet’s True Heart” − Selected Poems, edizione: Ragged Banner Press.

Cura un blog (su server fuori dalla Cina, il suo blog in Cina è stato chiuso):
http://woeser.middle-way.net/

Collabora anche a Radio Free Asia, che ora è una organizzazione no profit, ma che deve essere presa “cum grano salis” perché si è sempre occupata della libertà dei popoli solo se è funzionale alla causa degli Stati Uniti.

https://www.rfa.org/english/

Col marito Wang Lixiong, scrittore e saggista dissidente, è stata uno dei firmatari della Charta08 di Liu Xiaobo, che è una  proposta  di riforme per portare la Cina verso un sistema politico democratico. Per quanto riguarda il Tibet, la soluzione che propongono (secondo la mia interpretazione) è basata su un dialogo con il Dalai Lama, per ritornare (in qualche modo) agli accordi del 1949, sottoscritti e poi disconosciuti dalle due parti, che prevedevano per il Tibet lo status di regione autonoma della Repubblica Popolare Cinese, per conto della quale il Dalai Lama continuava ad esercitare il potere politico.

La prima poesia è recente, è stata pubblicata sul suo web nel mese di gennaio, le altre due sono state trovate sulla rete, la traduzione è mia.

Tsering Woeser in cinese sarebbe: Chéng Wénsà, 程文萨

Sul blog vedo che si firma come : 唯色 Wéisè , che significa anche “tutta colorata”.

Il maestro e la farfalla

Apri un grosso libro di saggistica
che non è estraneo alla lingua del paradiso perduto
ci spieghi di volta in volta della rappresentazione scenica
del cambiamento, e poi della sfortuna.
“Accettiamo la sfida noi farfalle di cemento…!”.
Ma quale somiglianza potremo dare in cambio?

Quella dell’ambra assediata dalla bestia
o quella delle ossa fossili.
Maestro del buio più nero
è una preghiera gettata nel fuoco….
questo eterno ciclo delle rinascite.. Ah! Ah!.
I grandi e tremolanti segreti della terra.

Scrivi in braille il nome della vittima
si diventa più tristi ma più vicini all’eternità.
Non servono esseri senzienti per sapere.
E anch’io  non ho nessun bisogno dei tuoi ricordi

15/01/2018

蝴蝶与羌姆

唯色 (Wéisè)

翻开一本太厚的非虚构之书
她用并不陌生的失乐园的语言
说起一次次的剧变或厄运之后
“我们将如同水泥中的蝴蝶……”
那么,与其相似的还有哪些?
琥珀中的困兽
化石中的骨骸
黑暗中的羌姆
火焰中的祈祷……
这一个个戛然中止的轮回啊
都不如在那高寒的隐秘之地
用盲文书写牺牲者的名字
更悲伤,却更接近永恒
但毋需众生认识
亦不必你我记住……

2018年1月15日

Notti di Lhasa

Oh! Lhasa. Sono irreali  le tue notti
fiori di loto di eccezionale bellezza, docili , non ancora fioriti
un bicchiere fragile di vino che si romperà
un santo che può concedere a tutti
la benedizione dello spirito, che rinvigorisce come una festa fluida
lavoro e scrivo per sentirmi libera di inseguire il paradiso dell’esilio
quelle lacrime impercettibili
sono solo amore per i familiari con cui non posso più vivere !
Oh! Lhasa. Ferita nel petto della notte
uccello azzurro che non ha ancora cominciato il suo canto di dolore
vestito impolverato.
Qualcuno.. no!… tutti spargono  piaghe volando
per  poi  sparire nei raggi del tempo
bisogna lavorare nell’officina di sé stessi questo io che si cala nella voragine
Il fantasma seducente di un destino oscuro
un difficile richiamo delle generazioni di reincarnati.
Oh Lasha. Dalle notti insolite
come un amore speciale non ancora accaduto
e stirpi che gradualmente si mescolano.
Sei una persona e il suo cammino: in che modo
avverrà l’illuminazione? Calma di fronte alla sfida
lavoro per l’opportunità di un incontro
per esistere senza fine nella ruota del ritorno.
Vorrei che fossi tu il mio amato per tutta la vita.
1998  Lhasa

萨之

噢拉萨!虚幻的夜晚
个别的莲花从未开放
个别的酒杯容易破碎
个别的人啊,谁赋予的
气质,将流动的盛宴
当作自我放逐的乐园
那看不见的汹涌的泪水
只为一个留不住的亲人!

噢拉萨!伤怀的夜晚
个别的蓝鸟从未鸣叫
个别的衣裳沾满尘土
个别的人啊,谁散布的
疾病,将飞逝的时光
当作自我沉沦的深渊
那数不清的妖艳的幻影
也难以唤回转世的亲人!

噢拉萨!稀有的夜晚
个别的爱情从未降临
个别的血统逐渐混杂
个别的人啊,一道怎样的
闪电,将弥漫的前定
当作彼此聚拢的契机
在那没完没了的轮回中
但愿你是我永远的亲人!

1998,拉萨

Ricordo della statua ferita del Buddha

Manco da Lhasa solo da venti giorni
col costante pensiero rivolto a quella statua sbrecciata del Buddha
di fronte al “Comitato di salute pubblica”, su una bancarella
da lontano l’ho subito intravista
ero al mercato per comprare della droma (1).
l’ho vista e sono stata colpita da profonda tristezza.
Non potevo fare nulla  per lei, così sfregiata
sentivo che ha una vita
può togliere il dolore dalla terra anche stando appoggiata ad uno scaffale
La faccia è frantumata, il braccio è spezzato, i fianchi sono tagliati
Si è avvicinata in modo doloroso a noi, come una merce sullo scaffale
Intorno  aveva salsa di soia, legumi, insalata di petali colorati  e rotoli di carta igienica
Tutto in città viene dalla Cina, che è già penetrata nella nostra vita.
Il suo collo era ornato da splendide pietre colorate
sul petto teneva un bizzarro animale con faccia da leone e corpo da uomo
che abbraccia i resti di un Chorten (2) distrutto.
Una volta in città tutto era offerta, portata con rispetto in templi santi,
dove sono ora le famiglie devote?
Si è avvicinata a me in modo doloroso, come una merce sullo scaffale
L’espressione del volto era calma come acqua ferma, il mio dolore
sprofonda in me fino al midollo.
La mia angoscia entrava in contatto col Buddha, ne intravedeva la storia
l’attualità mescolata con la storia tiene insieme questo racconto.
Ah! Posso davvero sentire la sorte  che rimescola l’io con l’occulto
la neve che si scioglie sulle montagne attraversa il mio corpo e la mia mente.
La venditrice stringeva le ginocchia con le mani
Rivolta a me gridava :”Compra il vecchio Buddha, Oh! Oh! lo so che non è bello da vedere!… mah!”.
Quando è stato colpito così?. Le chiesi
La “rivoluzione culturale”, naturalmente, “la rivoluzione culturale” disse ancora alzando gli occhi al cielo.
Quanto costa? Volevo davvero comprarlo, portarlo a casa con me.
Purtroppo lei che veniva da jiāngxī, insisteva per tremila
ho dovuto lasciare con eterno rimpianto e con perenne ricordo
questo venerabile ritratto del Buddha colpito dal dolore che  si irraggia in tutte le direzioni.
Ho solo scattato qualche foto.
Quando sento di più la mancanza accendo il computer per guardarlo.
Gli amici mi dicono che forse è una statua nuova
fratturata intenzionalmente per alzare il prezzo
e la storia della “rivoluzione culturale” è inventata.
Sicuramente è così, però il mio dolore non se ne va
e scrivo queste parole per mostrare cosa custodisco in seno.
14/05/2007  Pechino

(1) Droma  è un tubero che si usa nella cucina tibetana
(2) Chorten è un monumento che racchiude le reliquie di santi buddisti

记那尊被砸得疼痛四散的佛

离开拉萨二十天了。
常常想起那尊脸被砸扁的佛像。
是在冲赛康居委会门前的一个小摊上,
远远地,我就看见了它。
我本是去冲赛康市场买些蕨麻,
可是看见它,就被突如其来的忧伤击中了。
我不由自主地走向被砸成那样的它,
感觉它有生命,正疼痛地依靠着货架,
脸被砸扁,胳膊被砍断,而且拦腰被斩。
它就那么疼痛地靠在货架上。
它的周围是酱油、豆瓣、色拉油和一卷卷卫生纸,
全都来自早已进入我们生活的中国内地。
它的脖子上挂着曾经精美的镶有彩色石头的项饰,
它的怀里还有一个狮面人身的怪兽,
一起放在一座残缺的佛塔上。
而从前,都被供奉在哪些神圣的寺院或虔诚的家庭?
它就那么疼痛地靠在货架上,
神情虽然静如止水,我却痛入骨髓。
我忧伤地看着它,彷佛看见了一个故事的发生,
以及,故事后面的历史和现实。
我啊,我真的能够感受它和我隐隐的缘分,
像融化的雪,从高高的山顶漫过我的身心。
摆摊的小贩双手抱着膝盖,
向我兜售:“买吧,老佛像哦,很好看不是?”
“什么时候被砸成这样的?”我问。
“文革嘛,当然是文革啦。”他仰头又说。
“多少钱?”我真的很想买下,很想带回家中,
可是这个来自江西的小贩一口咬定“三千”,
使我只好遗憾地、难舍难分地、从此惦记地
离开了这尊被砸得疼痛四散的佛像。
我仅仅拍摄了几张照片,
仅仅,在想念的时候,时不时地打开电脑看看。
朋友说,也许是崭新的佛像,为了卖个高价,
故意被砸成这样,然后编造了一个文革情节也说不定。
是啊,说不定真是这样,可是疼痛犹在,
我只有写下这些文字来释怀。

2007-5-14,北京

Be the first to comment on "Tsering Woeser – Il maestro e la farfalla (Giancarlo Locarno)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*