Rocco De Santis e Doriano Longo: O cerò ipai

Jacek Yerka

*

Mera tu ottòbri tossus chronu ampì

jennìti na pedàci is mian avlì

mera tu ottòbri i’cci’ttin avlì steo

ci ’so pedaci jetti na palèo

ce o cerò ipai, ipài

o cerò en meni mai

Ipài, ipài, ipài o cerò ipài

ipài, ipài, ipài, en meni mai

stennù s’afinni pràmata palèa

se perni ambrò na zisi t’addha nea.

Ipài, ipài, ipài o cerò ipài

en meni mai na spri ce panta ipài

ce tes imère a’tti zoì su piànni

ce ta simàtia apà so derma afìnni

ce apànu sa maddhia su petti o chiòni

ipai o cerò ce ipàne ipàne i chroni.

Possi zoì ce pràmata ce ièno

pu i’cchamèna mo’ccerò pamèno

tus echo olu ambrò san mia’fforà

e’ssan ittè ma ittè e’ ppoddhì macrà

ce o cerò ipài ipài

o cerò en meni mai

Ipài, ipài, ipài o cerò ipài

ipài, ipài, ipài, en meni mai

stennù s’affinni pràmata palèa

se perni ambrò na zisi t’addha nea

ipài, ipài, ipài o cerò ipài

en meni mai na spri ce panta ipài

ce tes imère a’tti zoì su piànni

ce ta simàtia apà so derma afìnni

ce apànu sa maddhia su petti o chiòni

ipai o cerò ce ipàne ipàne i chroni.

Mera tu ottòbri tossus chronu ampì

mera tu ottòbri ittù is tu’ttin avlì

o cerò e’ffermèi ce, ipai puru si mera

ce ta ceràcia anàtti son aièra.

*

Giorno d’ottobre tanti anni fa

nacque un bimbo in un cortile

giorno d’ottobre sono in quel cortile

quel bimbo è diventato un vecchio

e il tempo va

il tempo non aspetta mai

Va, va, va il tempo

va, va, va non aspetta mai

nella mente ti lascia cose vecchie

ti porta avanti a vivere altre nuove.

Va, va, va il tempo va

non aspetta mai un po’ e sempre va

e i giorni dalla vita ti prende

e i segni sulla pelle lascia

e sui capelli cade la neve

va il tempo e vanno, vanno gli anni.

Quanta vita e cose e gente

si son perduti col tempo andato

li ho tutti vicini come una volta

sembra ieri, ma ieri è troppo lontano

e il tempo va

il tempo non aspetta mai.

Va, va, va il tempo

va, va, va non aspetta

nella mente ti lascia cose vecchie

ti porta avanti a vivere altre nuove.

Va, va, va il tempo va

non aspetta mai un po’ e sempre va

e i giorni dalla vita ti prende

e i segni sulla pelle lascia

e sui capelli cade la neve

va il tempo e vanno, vanno gli anni

Giorno d’ottobre tanti anni fa

giorno d’ottobre qui in questo cortile

il tempo non si ferma e va anche questo giorno

e i lumini accende nel cielo.

(Testo e musica Rocco De Santis)

4 Comments on "Rocco De Santis e Doriano Longo: O cerò ipai"

  1. “O cerò ipai”, il tempo va… considerazione mai ovvia all’alba del nuovo anno. Detto in griko, la lingua della Grecìa Salentina, capace di resistere al passare di secoli, acquisisce altre valenze, qualcosa ancora rimane…
    Buon anno!

  2. Rocco De Santis | gennaio 3, 2013 at 23:55 | Rispondi

    Tanti auguri di Buon Anno, Abele! Grazie!

  3. Grazie a te, Rocco! Ti auguro un anno pieno di belle cose.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*