Maurizio Manzo: TABLET RASA

by Maria Grazia Galatà

Sottomessa in natura
alterata dall’uomo di genere maschile
è frainteso il gentile non opporsi pensare ad altro tempo possibile
stabilmente il rimpianto
che incoraggia il possesso s’impossessa deriva.

Sentimento sospeso
e compresso sostava da e tra il cuore cortese
che pendeva dagli occhi
a cascare mascara le macchiava le guance inzaccherando le foglie
delle arance succose e
zuccherose poggiate sulla tavola fredda.
Il suo collo allungato
ripiegato sul gatto rotolato per sempre rotolato a strusciarsi
rivelava dei segni il disamore bluastro
mentre il pelo del gatto s’involava spezzato
frastagliando la luce
seppellito nell’ombra
stai nascosto tra i giorni d’indelebile gioia
fondotinta al dolore
se una stretta d’ormone mentre dorme ogni lobo
ti rivela uno sguardo acuminato puoi pensare alla brina
a un effetto normale come il vivere odierno
a un eclissi solare.

3 Comments on "Maurizio Manzo: TABLET RASA"

  1. molto raffinata questa bella composizione peraltro arricchita da stupenda foto della galatà..

  2. Una poesia stupenda, Maurizio, in perfetta sintonia con l’immagine di Maria Grazia.
    Grazie!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*