Marco Scalabrino: Paolo Messina – Il rinnovamento e rosa fresca aulentissima

 

Paolo Messina e Marco Scalabrino

 

*

“Avia vint’anni quannu mi nnamurai d’a puisia. Fici a guerra vulannu pi sti mari mari e avennu liggiutu (‘n tidiscu) u Faust di Goethe e i Reisebilder di Heine, picchì m’i mpristò Heinz, un amicu pilota d’a Luftwaffe. È curiusu, però, c’ô primu antifascista ca ncuntrai fu un picciottu tidiscu e mi dicia: Ohne Freiheit, keine Dichtkunst: senza libirtà, nenti puisia. “

cliccare sul titolo qui di seguito:

PAOLO MESSINA – ILRINNOVAMENTO E ROSA FRESCA AULENTISSIMA

 

6 Comments on "Marco Scalabrino: Paolo Messina – Il rinnovamento e rosa fresca aulentissima"

  1. marco scalabrino | novembre 20, 2011 at 08:21 | Rispondi

    Un sentito grazie ad Abele per la pubblicazione del mio omaggio a Paolo Messina. A lui e a tutti un cordiale saluto, Marco Scalabrino.

  2. la mia stima incondizionata a chi non dimentica i poeti.
    cb

  3. rosaria di donato | novembre 20, 2011 at 13:37 | Rispondi

    Un saluto a Marco Scalabrino e un grazie per il suo alacre lavoro di studioso che ci arricchisce ogni volta donandoci aspetti e volti della poesia siciliana del ‘900.

    Rosaria Di Donato

  4. Nei versi di Paolo Messina respira e canta una Sicilia nuda, essenziale, oltre i miti ….
    Grazie ,Paolo !

  5. Grazie Marco per un altro pezzo di storia, per la tua opera preziosa.
    Abele

  6. Giancarlo Locarno | novembre 22, 2011 at 12:45 | Rispondi

    Davvero interessante l’esposizione storica che fa da contorno al fiorire di una poesia, i richiami a cielo d’alcamo e alla scuola siciliana manifestano il contrasto tra parole che nascono dalla realtà di guerra e povertà e la tradizione cortese, che è anche all’origine della poesia italiana, che forse trova la sua sintesi nel sonetto fatto di parole vere di terra e accenti eleganti e calibrati.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*