SUPRAVIVENS, un grammelot di Franz Krauspenhaar

SUPRAVIVENS [In dialetto incrociato “arioso”, un milanese “gaddiano” inventato.] 

Che cusa l’era sta tristess de bona nott
e pesant, agravada dal mal de stomach,
dala siesta fata prest, trop, cul poll arost

Arcimboldo

che la fava l’asensur per tucc l’esofag?
Una tristess che tacava la bala, che purtava
incì al coeur un muviment peristaltic genuin,
una coesiun ambrada cum la melassa denter
el fiel. Un mument de pura nustalgia, ou de quel
che i puet brav ciaman, da plus centann, lo splin.
Vadavialcu, mi sun arius de l’extra landa milanés,
oltre el Maradagal, oltre le lande secch de la Suiss.
Epuro drent, che son dapertucc e nella scura landa
del nisun. Sun chi, tra Gran Milàn, Suissa, Brians,
un poe de chi e un poe de là, cum uno spirit bianc.
Vul, per le sterrat del’infinì. Mi sun mi, omm,
spiritell, cartell indicatur, duva l’è scritt
SUPRAVIVENS. Duva l’è scritt vivemm.

7 Comments on "SUPRAVIVENS, un grammelot di Franz Krauspenhaar"

  1. Ritrovare qui, a pochi giorni dalla lettura intensa e partecipata del suo libro “La passione del calcio”, i versi di Franz Krauspenhaar, è una sorpresa molto gradita.

  2. Gran bella proposta. Gadda, giustamente, con tutte le mappe della mente che lo spleen cuce e rimescola.
    Grazie
    abele

  3. Franz!!! Franz a Neobar!!!

    “Duva l’è scritt vivemm.”
    Esattamente… Ripassa, mi raccomando!

    Un abbraccione,
    Ninetta :-)))

  4. PS: hai pubblicato il nuovo romanzo, o me lo sono sognato che doveva uscire?
    Mi aspetto un altro capolavoro, all’altezza di “Era mio padre” :-)))

    Forza Franz!
    Baci

  5. ehi grazie per l’accoglienza! nina, ciao cara, no, a breve esce il nuovo libretto di poesie per Zona, “Effe Kappa”, e ad aprile il nuovo romanzo, spero che ti piaccia, per l’editore romano Gaffi. tanti abbracci a te e a tutti!

  6. La facciamo una presentazione a Roma, Franz?

  7. PS: lo sai la stima che ho di te… Sei un narratore sopraffino che si meriterebbe molto di più! Dimmi quando esce la silloge poetica… Un abbraccio caro, Nina***

Leave a comment

Your email address will not be published.


*