"Io, studente di ingegneria nell'inferno dei braccianti"

Ivan Sagnet

Ivan, 26 anni dal Camerun, studia al Politecnico:
ma lotta contro i «caporali»

NICCOLÒ ZANCAN
 
 

TORINO
L’ inizio è Roberto Baggio. «Nel 1990 guardavo i mondiali in televisione. Avevo 5 anni, tifavo Juve e sognavo l’Italia. Volevo andare a vivere nella città dove giocava il mio calciatore preferito». Ivan Sagnet c’è riuscito, anche se poi la vita è sempre più complicata di così. Da Baggio, al Politecnico di Torino, a un campo di pomodori nel Salento agli ordini di un caporale ghanese: «Ho capito che sono stato un privilegiato. Non sapevo di questa Italia. Nei campi della Puglia ho ritrovato l’Africa. Le persone trattate come schiavi, macchine da lavoro senza diritti».

continua qui

1 Comment on ""Io, studente di ingegneria nell'inferno dei braccianti""

  1. leggo e condivido. Grazie!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*