Nina Maroccolo: "S'IMPALPITI MATERIA –

Cari amici,
ecco il mio primo lavoro importante per le “Edizioni d’Arte e Laboratorio creativo Musidora”.
L’opera è dedicata a Giacomo Manzù e a Inge, moglie e Musa.
Ringrazio per la gentile collaborazione e disponibilità: Inge Manzù; l’Archivio fotografico della Galleria nazionale d’arte moderna di Roma; Marcella Cossu, Direttrice della Raccolta Manzù di Ardea; Chiara Mutti; il gruppo sinestetico perIncantamento, condotto da Plinio Perilli; tutti gli amici che mi hanno sostenuto durante questa impresa iniziata il marzo scorso.
*
Oggi, 7 luglio 2011, avrà luogo presso la Raccolta Manzù di Ardea, ore 18.00, la consegna del libro-oggetto d’arte “S’IMPALPITI MATERIA – Omaggio a Giacomo Manzù” alla Signora Inge.
So che mi sarete vicini in amicizia e luminosa condivisione.
Con stima ed affetto prodondi, vostra
Nina Maroccolo

by nina maroccolo

*
FotoOGGETTOMANZU’

11 Comments on "Nina Maroccolo: "S'IMPALPITI MATERIA –"

  1. Auguroni a Nina! Torneremo presto a parlare delle “Edizioni d’Arte e Laboratorio creativo Musidora”.
    abele

  2. magnifico, Nina!
    tutto il bello che offri merita altrettanta bellezza!
    un abbraccio
    ciao, abele.
    cri

  3. Complimenti! peccato non poter essere ad Ardea oggi pomeriggio.

    In boccca al lupo!

    Rosaria

  4. “Che il lupo sia con Musidora”. Complimenti Nina, il mio pensiero è con te…

    Un abbraccio, Doris

  5. Cinzia Marulli | luglio 8, 2011 at 08:55 | Rispondi

    Ieri sono stata ad Ardea con Nina Maroccolo, Plinio Perilli, Anita Napolitano, Faraon Metesoes, Giampiero Stefanoni e Chiara Mutti a consegnare questo meraviglioso lavoro artistico a Inge Manzù e a Marcella Cossu (direttrice del Museo Manzù). Sono stati momenti emozionanti e sono onorata di essere una delle autrici inserite in questa raccolta poetica.
    Grazie infinite!
    Cinzia

  6. Nina Maroccolo | luglio 8, 2011 at 17:29 | Rispondi

    Grazie infinite, Abele!
    Una carezza fino al Galles ***
    *
    Grazie a Cristina Bove, che spero abbia compreso il “perché” delle mie sollecitazioni…
    *
    Grazie a Doris, la cara Doris che – come Cristina, Cinzia, Rosaria, i membri del gruppo “perIncantamento” – sono SEMPRE presenti con il loro entusiasmo e affetto*

    L’emozione di ieri è inspiegabile.
    Non so dire.
    Credo che le foto di Anita Napolitano e di Chiara Mutti, detta Muttina:-) parleranno da sole!

    Cinzia mi ha preceduto nello scrivere la vita del gruppo di scrittura e sinestesie “perIncantamento”, condotto dal nostro Plinio Perilli: *il Magister***.
    Senza di loro questo libro non sarebbe nato.
    Senza le premure e il lavoro di Chiara Mutti (responsabile dell’Archivio fotografico della Galleria nazionale d’arte moderna di Roma), la sua disponibilità, l’organizzazione insieme a Marcella Cossu (Direttrice della Raccolta Manzù) dell’evento “La Giornata del Contemporaneo” (Ardea, 9 ottobre 2010) e, successivamente, l’idea di creare un album-ricordo trasformatosi nel tempo in libro – sarebbero stati inesistenti!

    Sono grata a Cinzia Marulli per il dono di ieri. Non lo scorderò mai!
    Generosa, sapiente, donna-Mater-scrittrice che guarda lontano. Il vento può scompigliare i suoi capelli, la tempesta viverla dentro, ma fuori… Lei è lì. Immobile – eppure guarda lontano… Caro, il mio fiore di Loto.

  7. Nina Maroccolo | luglio 8, 2011 at 17:54 | Rispondi

    Scusate gli errori…
    *
    Vorrei anche parlare/scrivere dei poeti che fanno parte del laboratorio di Plinio Perilli e che sono presenti nella “ferrea” silloge “S’IMPALPITI MATERIA – Omaggio a Giacomo Manzù”.
    Ciascuno di loro è per me un fratello e una sorella.
    Raramente, nel mondo artistico, letterario e musicale – integrazione ed empatia [ nel senso del Noi ] avviene. Noi siamo una famiglia. Lo siamo a tutti gli effetti, anche quando discussioni, fraintendimenti, troppa “sincerità” e benevolenza può scatenare “sturm und drang”, e – talvolta – qualche defezione.
    Risolto il problema si guarda avanti, mano nella mano. Più strette di prima.
    Ora: non voglio dipingere un quadretto idillico o idilliaco, ma credo che esserci ritrovati con passione, credo e amore, non sia stato un caso.
    Queste persone meravigliose sono:
    Plinio Perilli
    Chiara Mutti
    Cinzia Marulli Ramadori
    Anita Napolitano
    Gian Piero Stefanoni
    Nina Maroccolo
    Monica Martinelli
    Faraòn Meteosès
    Cristina Sparagana
    Maria Luisa Munoz
    Silvia Basile
    Gemma Ravanello
    Marco Righetti

    NOI.

    Un abbraccio di cuore grande,
    Nina*

  8. Nina Maroccolo | luglio 8, 2011 at 17:57 | Rispondi

    NB: sempre io… Non ho nominato Cristiana Lauri, anche lei presente nel libro e, una volta, nel nostro gruppo.

    Baci*

  9. Cinzia Marulli | luglio 9, 2011 at 12:42 | Rispondi

    Nina carissima, oggi, dopo aver lasciato trascorrere la fortissima emozione dell’evento, forse riesco a scrivere con maggior chiarezza; La Signora Inge Manzù è stata meravigliosa, era emozionatissima quando sfogliava il bellissimo libro d’arte che hai creato. Il suo sguardo esprimeva una gratitudine ed un amore infinito, sincero. La direttrice del Museo Manzù, Marcella Cossu, e la Sopraintendente alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, Maria VIttoria Marini Clarelli, hanno dimostrato allo stesso modo una grande emozione e lo hanno dimostrato con grande simpatia e amorevolezza nell’abbracciarci tutti, addirittura più volte; nel leggere il tuo libro-scultura tenendolo in mano come fosse un fiore di loto.
    Chi non è potuto venire a questo evento ha perso un grande arricchimento interiore che solo la condivisione con l’arte può dare. Dal canto mio non posso che ringraziarti, e ringraziarti ancora; e con te Plinio Perilli, il Magister, e Chiara Mutti senza la quale nulla sarebbe stato; e tutte le altre compagne e compagni che tu hai citato con i quali abbiamo condiviso “Poesia”.
    Cinzia

  10. A tutti i “compagni di viaggio”…a Plinio
    un grazie di cuore per aver condiviso questa avventura meravigliosa, per averla fortemente voluta insieme a me, per aver “impalpitato” la materia e in particolare a Nina per averla “rimaterializzata” in un’opera d’arte unica. Come unici sono i nostri cuori.
    Lascio, per ora, ogni altro commento alle fotografie che verranno
    (palpitano anch’esse, d’ineffabile !!).
    Chiara

  11. monica martinelli | luglio 16, 2011 at 17:08 | Rispondi

    E’ stato un dispiacere non poter essere venuta ad Ardea giovedì 7 a condividere emozioni e poesia…ma ci sono stata comunque col pensiero! Ed ho ancora il ricordo molto vivo del 10 ottobre 2010…
    Sono davvero lieta di fare parte di questa famiglia che ha un grande cuore pulsante di materia e anima…una famiglia che crescerà in quantità e intensità!
    Grazie a Nina Maroccolo per la sua esplosione creativa e per la sua forza magmatica e trascinante, e in bocca al lupo per questo grande progetto. Il libro d’arte è meraviglioso e unico: felice di esserci!
    Grazie a Plinio Perilli, a Chiara Mutti e a tutti i “compagni di viaggio”…Vi abbraccio.
    Un saluto e un grazie anche ad Abele
    ciao
    monica

Leave a comment

Your email address will not be published.


*