Save Middlesex Philosophy (Middlesex University chiude Filosofia)

 

Nonostante eccellenza, merito e ottimo piazzamento nei ranking inglesi, la Middlesex University chiude il dipartimento di Filosofia per motivi puramente finanziari, tra l’altro non del tutto chiariti, e conferma la tendenza, diffusa anche in atre università, a screditare sempre più le discipline umanistiche. L’episodio ha suscitato forti polemiche e trovato il supporto di persone e istituzioni in molti Paesi. Oggi, studenti e docenti hanno occupato l’università.

«Sto lavorando duro per preparare il mio prossimo errore.»
Bertolt Brecht

“I’m having a hard time; I’m preparing my next mistake.”
Bertolt Brecht

Raccolta di firme online:

http://www.gopetition.com/petitions/save-middlesex-philosophy.html

Save Middlesex Philosophy su Facebook:

http://www.facebook.com/group.php?gid=119102561449990

Il blog di Save Middlesex Philosophy

http://savemdxphil.com/

Petition to Save the Centre for Research in Modern European Philosophy, Middlesex University

The abrupt closure of the Philosophy programmes at Middlesex University is a matter of national and indeed international concern. Not only does it flatly contradict the stated commitment of Middlesex University to promote ‘research excellence’, it represents a startling stage in the ongoing impoverishment of Philosophy provision in the UK.

The Centre for Research in Modern European Philosophy (http://www.web.mdx.ac.uk/crmep/) at Middlesex makes a significant and distinctive contribution to the teaching of philosophy in the UK. Its set of MA programmes is currently the largest in the UK, and Philosophy is the most prestigious and highest research-rated subject at Middlesex University.

The CRMEP is now widely recognised as one of the most important centres for the study of modern European philosophy anywhere in the English-speaking world. Building on its grade of 5 in the 2001 Research Assessment Exercise, in the 2008 RAE Middlesex was rated first in philosophy among post-1992 universities, with 65% of its research activity judged ‘world-leading’ or ‘internationally excellent’.

More importantly, work carried out at the CRMEP is characterised by a unique emphasis on broad cultural, artistic and intellectual contexts, and a marked sense of social and political engagement.

Middlesex Philosophy is one of only a handful of programmes left in the UK that provides both research-driven and inclusive post-graduate teaching aimed at a wide range of students, specialist and non-specialist. It also happens to generate a substantial amount of revenue for the University, currently contributing close to half of its total income to the University’s central administration.

18 Comments on "Save Middlesex Philosophy (Middlesex University chiude Filosofia)"

  1. Che vergogna! La cultura penalizzata, come del resto qui da noi. Ciao, Abele

    Teresa

  2. grazie per la traduzione e appoggio!

    Eric Alliez
    Depto de Filosofia / Mdx University

  3. Grazie Teresa, il ragionamento che fanno (e non sono i soli purtroppo) e’ il seguente: visto che comunque i fondi non sono più quelli di una volta ( i laburisti preferiscono investire in sommergibili atomici e ai conservatori, se verranno eletti, fregherà ancor di meno) tanto vale concentrarsi su cio’ che va piu’ sul mercato. Hanno chiuso Filosofia non perché costava troppo ma perché non garantiva il numero di studenti per classe che hanno in mente loro…
    Abele

  4. Ciao Eric, let’s hope for the best.
    Abele

  5. e poi dicono che non siamo in guerra? Questa è la peggiore e schifosa guerra che si viva, sì perché non muori subito, vieni sfruttato fino all’ultimo e usato come arma contro altri nelle stesse condizioni. Non si può continuare ad accettare una cosa del genere.Questo loro modo di NON AFFRONTARE UNA CRISI MONTATA A MISURA DI GUADAGNO INDIVIDUALIZZABILE non può essere riconosciuto come una continua messa in scena. CIO’ CHE E’ STATO PRODOTTO può essere azzerato proprio cambiando ideologia e dunque trovando filosofie che disgreghino il non pensiero su cui si fondano le speculazioni economiche non quelle filosofiche.f

  6. Come al solito a rimetterci è sempre la filosofia. Sarà davvero un problema economico e di preferenza di ciò che chiede il mercato quello che spinge a sbarazzarsi dei filosofi, o forse hanno paura di noi perchè vogliamo pensare con la nostra testa?
    Ho appena FIRMATO!

  7. Edgar Schröder | maggio 4, 2010 at 22:31 | Rispondi

    I think I wouldn’t quite want to compare the kind of “mistake” Mr Keuner is “preparing” in Brecht’s story with the recent deplorable decision by Middlesex University’s management – after all, the title of Brecht’s text is “Hardships of the best”! 🙂

  8. Le materie umanistiche sono di serie B a livello mondiale!
    Purtroppo anche l’ istruzione, la conoscenza, seguono le regole del mercato internazionale e il mercato ha bisogno di matematici, informatici, ingegneri ecc; la speculazione non tratta più il pensiero, l’osservazione, la riflessione ma segue il significato più volgare quello del lucro , del guadagno col minimo sforzo. Il vero problema credo sia da ricercarsi nel fatto che senza la prima forma di speculazione l’uomo perde la capacità creativa che è necessaria soprattutto in campo scientifico. I grandi scienziati e non cito il più conosciuto senza l’istruzione sull’uomo la natura e tutta una serie di osservazioni sul cosmo non avrebbero mai e poi mai avuto i mezzi per scoprire, osservare, indagare e soprattutto creare. Le relatività appartengono in egual misura alle cose materiali e a quelle immateriali. La scienza si preoccupa dell’uomo e del suo destino e lo scienziato non può non essere in grado di vedere il destino dell’umanità se gli viene negata l’istruzione tout court … posso firmare anch’io e se posso dove?

  9. roberto matarazzo | maggio 5, 2010 at 06:24 | Rispondi

    lì chiudono un dipartimento filosofico, da noi tagliano investimenti legati alla scuola e alla cultura, mal comune mezzo gaudio? no, semplicemente credo sia l’effetto perverso della evoluzione del capitalismo finanziario privo di ogni moralità e di nteresssi culturali, del resto cosa è il berluscolismo? o il putinismo? obama che sta cercando di portare le menti universitarie nei posti di potere USA quanto resisterà? e il capitalismo arabo in mano a gente priva di scrupoli (tanti iman più o meno integralisti quanto sono prezzolati mi chiedo da questi farabutti) se non quello dell’accumulo di soldi su soldi e potrei continuare ma il disgusto mi prende…

  10. sono solidale, e ho già firmato la petizione.

  11. Sì, è una guerra, come dice Ferni. Schifosa, Donatella, perché non ci sono due parti ben distinte: i filosofi e i non filosofi; ci troviamo invece con i filosofi contro chi si presume sia li per rappresentare e difendere la categoria che…. e dice “sì”.
    Il resto e’ ben esemplificato anche da Edgar, Raffaela (per firmare clicca sul link nel post, sotto “raccolta firme”, grazie!) e da Roberto.
    Abele

  12. Grazie anche a te Cristina, 10.723 firme già raccolte… sarà una giornata di “festa” oggi a Middlesex, secondo giorno di occupazione…

  13. Spero che la Filosofia resista perché se la gente si disabitua a pensare rimane un mondo fatto solo di cose. Che ne faremo mai di così tanti oggetti?!

    Rosaria

  14. giancarlo locarno | maggio 5, 2010 at 08:49 | Rispondi

    Anch’io sono solidale, e ho firmato la petizione.

  15. pasquale vitagliano | maggio 5, 2010 at 21:01 | Rispondi

    Firmo anch’io. Resistere, resistere, resistere.

  16. Grazie, grazie, grazie!
    Giornata emozionante oggi, grandi i ragazzi e la presenza alla manifestazione di Étienne Balibar

  17. malos mannaja | maggio 8, 2010 at 16:31 | Rispondi

    ahinoi.
    “More importantly, work carried out at the CRMEP is characterised by a unique emphasis on broad cultural, artistic and intellectual contexts, and a marked sense of social and political engagement”
    praticamente un suicidio, in tempi di consumunismo…
    :((

Leave a comment

Your email address will not be published.


*