13 Comments on "Happy Easter (Roads and Desires)"

  1. Una Pasqua serena a tutti voi e agli Astragali l’augurio di ritrovare la serenita’ e un po’ di riposo. Farete grandi cose anche in Palestina, mi mancate tanto, e’ stata un’esperienza straordinaria la vostra Lysistrata in Giordania.
    Thans Edgar for having suggested Eliot’s poem, a great Easter to you and your family as well.
    Abele

  2. Buona Pasqua anche a te!

  3. A good Easter/break from me as well! Am obviously looking forward to my Osterspaziergang (http://www.youtube.com/watch?v=nuCt7Dj_LM0) tomorrow!
    Ciao and all the best.
    Edgar

  4. buona pasqua abele..

    un abbraccio

    gianni

  5. AUGURI TANTI CARI AUGURI, ferni

  6. Augurissimi, Abele!

  7. Vincenzo Mancuso | aprile 3, 2010 at 18:59 | Rispondi

    Auguri ragazzi;)

  8. serena stifani | aprile 4, 2010 at 04:05 | Rispondi

    da sebastia

    ecco. siamo arrivati al punto in cui la vita preme.
    raccontarsi i propri sogni, raccontarsi le storie dei nonni. ritrovare nelle parole dette con timidezza, i luoghi persi.
    i ragazzi del laboratorio sono tanti. sono piu` di cento. ognuno ha una storia delicata, ognuno e` qui con noi per una necessita`grande.
    in molti sogni lo sfondo dell`intifada. in molti sogni la paura di perdere qualcuno, un amico, un fratello, un figlio. paura che purtroppo si realizza nei loro racconti dei luohi perduti.
    donne e uomini che stanno insieme, che cercano si condividere questi giorni. Qui la speranza della vita – piccola, piccolissima speranza, quella che sta nello sfiorarsi delle mani – ha luogo, anche nella condivisione della perdita, di una ferita indicibile che tutti questi ragazzi portano. nel segreto del lutto, nel segreto della speranza
    poi i canti, le voci degli uomini che diventano dolci, piccole.
    si ride.

  9. Buona Pasqua Abele!
    Antonio

  10. omar suleiman | aprile 4, 2010 at 17:46 | Rispondi

    IL TEATRO COME DONO PREZIOSO……
    Da queste parti c’e’ sfiducia in tutto..nell’autorita’ palestinese,hamas,fatah,nelle trattative !….ma anche nella presenza internazionale..nella cooperazione che mangia soldi per auto,residenze,viaggi ,ristoranti e feste per amici e amici degli amici..per lasciare solo le briciole ai destinatari veri dei finanziamenti..i palestinesi..
    E’ triste vedere la gente senza speranza e prospettiva per il futuro proprio e quello dei propri figli…
    Stamattina davanti al municipio di Sabastya o assestito con Ivano alla distribuzione delle razione dell’unrawa per i rifugiati palestinesi..una miseria…5 g di farina poco riso e poco zucchero,due kg di ceci …su tutte le confezioni c’e’ la scritta USAID….una ferita al cuore..da una parte il fosforo bianco i miliardi per insediamenti,muro e confisca di Gerusalmme dati ad israele dall’altra le briciole ai palestinesi…..
    L’altra sera ,durante una festa svoltasi al mio villaggio,nisfjbil,con la debka palestinese e con la partecipazione dei miei amici di Astragali ..con tutto il villaggio presente, e una infinita’ di bambini festanti….in quel momento di commozione ho pensato alla GRANDEZZA del teatro di qualita’ capace di donare sorrisi ,momenti di riflessione..coraggio di parlare e esprimersi davanti agli altri senza veli…ed alla grandezza delle PERSONE che lo sanno fare.
    In questo viaggio con i miei compagni di viaggio ho il compito difficile di trasmettere l’uno agli altri attraverso la mia traduzione simultanea..e credo di riuscirci…confesso pero’ che ieri pomeriggio ho avuto molta difficolta’ a farlo a causa di un nodo alla gola nel tradurre il racconto di un ragazzo di al najah university che raccontava della sua vita di infanzia con il fratellino che ad un certo punto si interrompe perche il fratello divenuto grande ..cade come martire dell’intifada…la cosa incredibile il modo con cui questo ragazzo ha voluto condividere questo suo dono con gli altri…
    Osservare durante i lavori un ragazzo di sabastya ,analfabeta che scrive con difficolta’..osservare tutti i suoi sforzi per essere presente ed essere presente fisicamente prima dell’orario stabilto,prima degli altri e tutti i giorni…..
    fosse solo questo il risultato della (fatica) di Fabio e di tutti noi sarebbe un risultato incredibile….

    • Dear Omar, I think I urgently need to attend an intensive Italian language course! Look after yourself. Ciao, Edgar

  11. gaetano fidanza | aprile 4, 2010 at 18:24 | Rispondi

    questo link e’ un lavoro sonoro che nasce dal lavoro di lysistata, dal lavoro ad Amman, un segno di questo passaggio…

    http://www.astragali.org/audio!23

  12. Grazie davvero!
    che emozione sentire “the waste land”!

    In ritardo, ma cmq, Buona Rinascita a tutti!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*