Dino Campana: La Chimera

Non so se tra rocce il tuo pallido
Viso m’apparve, o sorriso
Di lontananze ignote
Fosti, la china eburnea
Fronte fulgente o giovine
Suora de la Gioconda:
O delle primavere
Spente, per i tuoi mitici pallori
O Regina o Regina adolescente:
Ma per il tuo ignoto poema
Di voluttà e di dolore
Musica fanciulla esangue,
Segnato di linea di sangue
Nel cerchio delle labbra sinuose,
Regina de la melodia:
Ma per il vergine capo
Reclino, io poeta notturno
Vegliai le stelle vivide nei pelaghi del cielo,
Io per il tuo dolce mistero
Io per il tuo divenir taciturno.
Non so se la fiamma pallida
Fu dei capelli il vivente
Segno del suo pallore,
Non so se fu un dolce vapore,
Dolce sul mio dolore,
Sorriso di un volto notturno:
Guardo le bianche rocce le mute fonti dei venti
E l’immobilità dei firmamenti
E i gonfii rivi che vanno piangenti
E l’ombre del lavoro umano curve là sui poggi algenti
E ancora per teneri cieli lontane chiare ombre correnti
E ancora ti chiamo ti chiamo Chimera.

8 Comments on "Dino Campana: La Chimera"

  1. Questo testo: meraviglia delle meraviglie!

    Rosaria

  2. un crescendo sillaba per sillaba….

  3. Un’ interpretazione insuperabile…

  4. “La chimera” è una poesia a cui sono molto legata – moltissimo.
    Grazie amico mio.

  5. Che roba ragazzi, che roba!!
    grazie davvero.
    Una mirabile interpretazione per una delle poesie più belle della letteratura italiana.
    ciao

  6. non posso far altro che allinearmi ai commenti presenti: Campana è, in assoluto, fra i maggiori poeti italiani e questa è forse la sua più bella poesia.
    conferma del buon gusto d’Abele.

  7. e brucia il carme
    lo sa bene
    che l’anima è ari(d)a
    e d’os
    si gen(er)a per fiati.
    Lui diceva e ripeteva che nulla è ogni atto-re ed ogni auto-re e che tutto “si” dice dis-ponendosi nel l(u)ogo.
    Grazie Abele.f

Leave a comment

Your email address will not be published.


*